“Cartoline da Buenos Aires – Dibattito con Christian Gil ed Enrico Calamai” || 21 Marzo 2015 @ Caffè Letterario Le Murate (Firenze)

cartoline-da-buenos-airesNon dimenticare la barbarie del regime militare videlista in Argentina, per evitare che un simile scempio possa mai ripetersi.

“Seré Memoria”, il documentario di Christian Gil, videomaker argentino, punta proprio a questo, raccontando le tragiche esperienze dei desaparecidos direttamente attraverso la voce dei sopravvissuti. Così come Enrico Calamai, con i suoi libri “Niente asilo politico” e “Faremo l’America”, un’altra testimonianza ravvicinata del periodo del Golpe, data la sua carica di console italiano in Argentina proprio in quegli anni: grazie alla sua posizione mise in salvo più di 300 dissidenti politici, guadagnandosi il soprannome di “Schindler di Buenos Aires”.

Sabato 21 Marzo, al Caffè Letterario Le Murate, si terrà un dibattito aperto in compagnia del regista Christian Gil, che mostrerà alcuni spezzoni del suo documentario, e di Enrico Calamai, che svolgerà il ruolo di moderatore e narratore. Al termine del dibattito ci sarà un intervento di Eugenio Alfano, esponente di Amnesty International, per raccontare cosa succede oggi, ai giorni nostri, attorno a noi.

Perché anche se questi avvenimenti ci appaiono lontani, assurdi, disumani, il problema della sopraffazione e della violenza sociale è tutt’altro che estinto.

L’evento è inserito all’interno delle celebrazioni per il DIA POR LA MEMORIA, LA VERDAD Y LA JUSTICIA

assieme all’iniziativa del 24 Marzo organanizzata dall’associazione INTEXERE, “IL SEGRETO. Di questo non si parla..”, che si terrà anch’esso presso il Caffè Letterario Le Murate dalle 21.00.

PROGRAMMA

Ore 16:00 – Dibattito aperto con proiezione di spezzoni del documentario “Seré Memoria”. Relatori: Christian Gil ed Enrico Calamai.

Ore 18:00 – Intervento di Eugenio Alfano, Amnesty International.

“Cartoline da Buenos Aires – Dibattito con Christian Gil ed Enrico Calamai” || 21 Marzo 2015 @ Caffè Letterario Le Murate (Firenze)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su